Il San Raffaele raddoppia e vola a canestro

Nasce una nuova amicizia nel campo della solidarietà, le titolari del San Raffaele Basket Roma oggi hanno fatto visita al reparto di Riabilitazione Pediatrica dell’IRCCS San Raffaele Roma portando in dono peluche ai piccoli pazienti ospiti della struttura.


Un incontro speciale, tra fratelli di nome, che in campo giocano per la stessa squadra perseguendo obiettivi paralleli attraverso percorsi differenti. Si tratta di “un primo incontro tra il mondo sanitario, bisognoso di prestazioni e quello dello sport che invece ne è erogatore e stimolatore. Ci auguriamo possa essere un punto di partenza verso una grande storia collaborativa”, ha commentato il Prof. Natale Santucci, Direttore Medico Aziendale del Gruppo San Raffaele.


Le titolari del San Raffaele Basket, prime in classifica per la Serie B femminile, hanno lasciato il parquet della palestra per vestire una nuova divisa e cimentarsi in una sfida particolare, regalare i peluche raccolti grazie all’iniziativa “Teddy Bear Toss” che le ha viste protagoniste lo scorso dicembre. “Un’attività benefica che in America è un’istituzione incredibile”, ha spiegato il coach Mauro Penna, Responsabile Comunicazione e allenatore del San Raffaele Basket Roma, “gli spettatori presenti nel palazzetto, per assistere alle nostre partite, hanno portato con sé peluche da lanciare in campo dopo il primo canestro, che abbiamo raccolto e distribuito oggi in reparto”.


Le ragazze, accolte da un forte entusiasmo, hanno regalato gioia e scattato foto insieme ai bambini, rispondendo alle curiosità degli ospiti e dei loro genitori, raccontando anche quanto lo sport sia una parte importante nella loro vita. “Non appena il nostro Dirigente Mauro ci ha proposto questa iniziativa ne sono rimasta molto contenta, la giornata di oggi è stata più emozionante di quanto pensassi”, ha dichiarato Valentina Sestito, guardia titolare del San Raffaele Basket Roma. “Regalare un sorriso ad un bambino è sempre bello. Spero che questi eventi si ripetano nei prossimi anni perché si tratta veramente di una bella occasione per star bene tutti insieme”, ha aggiunto Marta Grattarola, playmaker e guardia della squadra.


A fare gli onori di casa, insieme al Prof. Santucci, anche la Dott.ssa Claudia Condoluci, Responsabile del Centro per lo sviluppo infantile e riabilitazione pediatrica dell’IRCCS San Raffaele Roma che ha ringraziato la squadra “per aver organizzato questo evento, una giornata che ha portato una pausa, un momento di serenità e di gioia ai bambini impegnati in percorsi di riabilitativi, a volte pesanti e complessi”. Perché lo sport è innanzitutto gioco, divertimento, piacere della sfida ma soprattutto condivisione e scoperta di sé e dell’altro.

Vota questo contenuto